Consigli alle donne di Meetic

Consigli alle donne di Meetic

Se avete 60 anni, come fate ad avere la laurea breve? Avete finito le elementari quando ne avevate 45? Non è che la vostra “laurea breve” in realtà è un attestato di partecipazione a un convegno terrapiattista, o il diploma del corso di campane tibetane, o la frequenza del primo anno presso una scuola di balli da sala?

Una foto dice poco: mettetene 10, o almeno 5. Ma che 9 non siano del gatto o di vasi da fiori, che a nessun uomo frega un cazzo di entrambi. Tette e culi invece sono apprezzati [diffidate di quelli che non li apprezzano: significa che non gli tira più].

Se chiedete che lui sia così e poi cosà, dite in almeno mezza riga cosa offrite voi in cambio: non siete presidentesse di una commissione d’esame, ‘che se anche siete brutte e stronze deve andare bene lo stesso.

Dopo una certa età il processo di decadimento fisico accelera. Lo sanno tutti, quindi sanno anche che se 5 anni fa avevi 50 anni e oggi ti presenti con le stesse identiche foto di allora, la probabilità che assomiglino alla te stessa di oggi tende sempre più allo zero. O stai scrivendo Il ritratto di Dorian Gray rivisitato?

Le boccucce a culo di gallina non fanno “sexy e spiritosa”, ma bimbaminkia ritardata. Idem per i cuoricini, stelline, lune crescenti e mazzi di fiori inseriti con i software online. E le linguacce, sì sì le linguacce.

I selfie al cesso, MAI. Oddio, se siete nude e identiche a Jessica Biel, forse forse… Negli altri casi, MAI (confermo).

Meetic è il punto di ritrovo di quelle di davvero 50 anni che ne dimostrano davvero 30. E’ un paradiso genetico, come le Galapagos. Credeteci.

Se tra le tue 20 foto ce n’è una – dico solo UNA – che dimostra quanti kili o rughe hai veramente, sei fottuta: le altre 19 non valgono più niente. Sii scaltra: se hai deciso di imbrogliare, almeno non includere la prova inconfutabile che ti condanna.

Nick come “Bellissima”, “Greta Garbo” o “Meraviglia del Creato” capisci da sola che ti sottopongono a un confronto visivo immediato dal quale difficilmente uscirai vincitrice.

Le foto in spiaggia coi piedi e lo sfondo del mare vanno bene se avete bei piedi, non se credete di averli.

Ridere va bene, la paralisi facciale in tutte 40 le foto, no.

Esistono DUE tipi di like: quello che dai dopo aver letto parola per parola il suo profilo 10 volte, e quello che affibbi alle 3 di notte, ubriaco, alla prima sullo shuffle che non somigli a un minatore rumeno (baffi compresi). Se ricevi un like, fai bene a chiederti quale dei due tipi sia.

Anche gli uomini che ricevono i like sanno che questi potrebbero essere casuali. Se non ci aggiungi un messaggio non valgono nulla.

Se vuoi Brad Pitt, devi essere almeno Angelina Jolie. Shrek, che è un orco, si è scelto un’orchessa, non Irina Shayk. Riflettici.

Le citazioni della Merini hanno rotto il cazzo a tutti. Pure ad Ada, che nella tomba non smette di contorcersi notte dopo notte. Se vuoi essere profonda e originale, passa alle frasi celebri di Nonna Papera.

Sei sola e cerchi qualcosa (più probabilmente, qualcuno). Se esordisci con “sto benissimo, non mi manca nulla, la mia vita è perfetta” a) nessuno ti crederà, b) tutti si chiederanno che cazzo ci stai a fare su Meetic. Prova a essere sincera, una volta in vita tua: a volte paga.

Lo so che pensi che gli uomini normali non stanno su Meetic. Nemmeno le donne, se per questo.

Amo la sincerità, odio la falsità” non lo dicono più neanche le finaliste di Miss Italia. Trovatemi un solo essere vivente che ami la falsità e odii la sincerità altrui.

A “sono una donna solare” è preferibile persino “sono una donna bipolare“.

Se hai la pelle di pesca a 50 anni, dimostri solo di saper usare photoshop.

Se non puoi rispondere non perché non vuoi ma perché non paghi, oltre che maleducata risulterai pure una pezzente. Non è un grande inizio, no?

Per quanti consigli io scriva, so perfettamente che nessuna ne seguirà neanche uno. Perché ognuno è quello che è, e più in là che darne prova non può andare.

Post a Comment