Musica
George Michael

George Michael

È morto George Michael e non fosse che è morto e non è colpa sua un bel chissenefrega ci starebbe bene. Michael era un simbolo degli anni ’80, stile Milano da bere e pettinature che sfidavano l’Avanguardia Futurista, senza i contenuti di questa. “Cosa resterà / di questi anni ’80?” cantava il vate Raf (e...
Closing Time

Closing Time

In questo 2016 di partenze importanti, trovo quasi giusto anche se profondamente sbagliato che ci abbia salutato anche Leonard Cohen. Dicono fosse quello di Suzanne e Halleluja. Può darsi. Effettivamente avevo comprato la prima in Songs of Leonard Cohen, ma mi appallava alquanto (meglio, molto meglio So Long, Marianne). Avevo 16 anni, e il disconegoziante...
Affreschi della Santa Trinità

Affreschi della Santa Trinità

Togliamoci un pensiero: io di musica non capisco un cazzo. La mia potenziale carriera di chitarra solista si è interrotta dopo 6 mesi di allenamento, quando l’ictus si è impadronito del mio dito indice sinistro (e ancora non è d’accordo al 100% sul restituirmelo). Però sono capace di due cose: emozionarmi e analizzare quello che...
Horst Wessel

Horst Wessel

Devo confessare che la mia fede nazista si è un po’ affievolita, negli ultimi  tempi. Niente di grave: sono certo che il nostro Reichssicherheitshauptamt, Heinrich Himmler, perdonerebbe la lieve flessione di entusiastica adesione, attribuendola all’altalenanza della mia emotività adolescenziale. Sono qui per un altro motivo, e cioè sottolineare che ciò che è bello è bello....
Sugar Man

Sugar Man

Ieri hanno trasmesso questo film-documentario, Sugar Man. Non mancava un solo riferimento epico. Lui, che viene scoperto giovane dai due produttori in un nebbioso – per la nebbia del fiume e il fumo – baretto di Detroit mentre suona dando le spalle al pubblico (1969). I due illuminati produttori che gli fanno fare due album...
Brus Springstin

Brus Springstin

Nel 1975 un mio compagno di classe mi invitò, come accadeva spesso, a casa sua per ascoltare dischi. Aveva un impianto stereo ragguardevole, una significativa collezione di novità discografiche, completa libertà di movimento e casino da parte dei genitori succubi. Quel giorno toccò a un disco nuovissimo, Born To Run, di un cantante rock never...
Un saluto a Lou Reed

Un saluto a Lou Reed

Leggo che è morto Lou Reed. Beh, per me è molto più grave che se fosse morto – che so – Alvaro Vitali o persino Gianni Morandi. Nei miei 15/20 anni, Lou Reed era quell’americano di Nu Yok, figlio se non sbaglio di un avvocato (come John Mc Enroe) che era sempre sul punto di...
San Simon Grando

San Simon Grando

Questo è un post esoterico, per iniziati. So quali rischi corro, dopo Troni e Dominazioni. Edoardo l’è sciupà. Invece no. Lo dedico a un vecchio compagno di trincea, l’unico che capirà subito. P.P.L.  
Auf Dich Nur Wart' Ich Immer Zu

Auf Dich Nur Wart’ Ich Immer Zu

Ho sempre pensato che per essere veramente cool bisogna usare qualcosa che abbia un bel nome tedesco. Le citazioni in francese sanno troppo di frociaggine, quelle in inglese sono ormai talmente cheap da non poter essere proprio considerate (anche Wilde, seppur irlandese, ha fatto il suo tempo; resiste Beckett – to’, irlandese anche lui –...
Intermezzo musicale

Intermezzo musicale

Tra un’altalena e l’altra, mentre ricevo minacce di sbrigarmi a pubblicare prima che a Mazzorbetto (Ve) cada la neve, mettiamo un po’ di musica. La musica che posto è sempre pregnante, per un motivo o l’altro. Questa canzone lo è particolarmente: Brian Eno, da Wrong Way Up (un cd Eno-Cale), Spinning Away. La dedichiamo…vediamo un...
Ode a la Paix

Ode a la Paix

Tornato a Trieste da Venezia, nella nuova-vecchia casa ho fatto l’inventario di tutta la roba lasciata da mio padre. Ho sfogliato molti libri, riviste, pubblicazioni d’arte. Ho anche ascoltato tutti i dischi, 33, 45 e 78 (c’erano anche quelli). Ascoltare a 15 anni i dischi di un ultra 50enne può essere lungo e imbarazzante: c’erano...
Il Ritmo Assoluto

Il Ritmo Assoluto

 Molti anni fa, si diceva di un mio amico che quando gli piaceva una canzone diventasse insopportabile averlo vicino, perché la ascoltava anche 30 volte di seguito. Mi ricordo di una Scottish March o qualcosa del genere: effettivamente, alla quinta volta gli chiesi di smettere, ma lui impeterrito continuò a “riproporla”. Da piccolo avevo letto...
Privacy Policy